Telefono e Fax

Tel: 06.98351150 Fax: 06.89281292


Ristrutturazioni edilizie, danni all'immobile e responsabilità dell'appaltatore

Giovedì 01/06/2017

a cura di Studio Legale Magri
La responsabilità dell'appaltatore scatta anche se i gravi difetti si riscontrano dopo i lavori di ristrutturazione.



È servito un intervento delle Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza n. 7756 del 27 marzo 2017, per chiarire (ndr: una volta per tutte?) che l'art. 1669 c.c. si applica anche in caso di lavori di manutenzione e non solo per nuove costruzioni.

La Cassazione ha affermato in particolare che l'art. 1669 c.c. è applicabile, ricorrendone tutte le altre condizioni, anche alle opere di ristrutturazione edilizia e, in genere, agli interventi manutentivi o modificativi di lunga durata su immobili preesistenti, che (rovinino o) presentino (evidente pericolo di rovina o) gravi difetti incidenti sul godimento e sulla normale utilizzazione del bene, secondo la destinazione propria di quest'ultimo.

La responsabilità dell'appaltatore. Casistica.

La sentenza della Cassazione è importante perché chiarisce l'ambito di applicazione dell'art. 1669 c.c. ma allo stesso tempo fornisce un lungo elenco di casi in cui è stata riscontrata la responsabilità dell'appaltatore, anche relativamente a lavori di manutenzione limitati solo a certe parti dell'immobile.
Così, sono stati inquadrati nell'ambito della norma in oggetto i gravi difetti riguardanti:
  • la pavimentazione interna ed esterna di una rampa di scala e di un muro di recinzione (sentenza n. 2238/ 12);
  • opere di pavimentazione e di impiantistica (n. 1608/00);
  • infiltrazioni d'acqua, umidità nelle murature e in generale problemi rilevanti d'impermeabilizzazione (nn. 84/13, 21351/05, 117/00, 4692/99);
  • un ascensore panoramico esterno ad un edificio (n. 2030/11);
  • l'inefficienza di un impianto idrico (n. 3752/07);
  • opere di rafforzamento dei solari (n. 22553/2015);
  • l'inadeguatezza recettiva d'una fossa biologica (n. 13106/95);
  • l'impianto centralizzato di riscaldamento (nn. 5002/94, 7924/92, 5252/ 86 e 2763/ 84);
  • il crollo o il disfacimento degli intonaci esterni dell'edificio (nn. 6585/86, 4369/82 e 3002/81, 1426/76);
  • il collegamento diretto degli scarichi di acque bianche e dei pluviali discendenti con la condotta fognaria (n. 5147/87);
  • infiltrazioni di acque luride (n. 2070/ 78).


Secondo la Cassazione, dunque, sono gravi difetti dell'opera, rilevanti ai fini dell'art. 1669 e.e., anche quelli che riguardano elementi secondari ed accessori (come impermeabilizzazioni, rivestimenti, infissi ecc.) purché tali da compromettere la funzionalità globale dell'opera stessa e che, senza richiedere opere di manutenzione straordinaria, possono essere eliminati solo con interventi di manutenzione ordinaria.

Il normale godimento del bene

Quel che conta, secondo la Cassazione, per l'applicabilità o meno dell'art. 1669 c.c. e, dunque, per il riconoscimento della responsabilità aggravata dell'appaltatore, non è tanto l'incolumità di terzi, come in origine veniva interpretata la norma, quanto piuttosto la compromissione del godimento normale del bene.

Fonte: http://www.studiolegalemagri.it
Le ultime news
Ieri
L'Unione nazionale dei giudici di pace e le altre associazioni di categoria hanno annunciato l'ennesimo...
 
Giovedì 21/09
La tardiva adozione, da parte del Comune, del piano triennale per la prevenzione della corruzione si...
 
Giovedì 21/09
Cassa Forense informa che, nell'ambito del progetto di welfare attivo contenuto nel nuovo regolamento...
 
Mercoledì 20/09
È nulla, con conseguente illegittimità del licenziamento intimato in ragione della sua violazione,...
 
Mercoledì 20/09
Sul sito internet del Consiglio Nazionale del Notariato è stato pubblicato un nuovo studio che approfondisce...
 
Martedì 19/09
Dal 2 ottobre 2017 parte la terza e ultima fase per l'attivazione della carta d'identità elettronica...
 
Lunedì 18/09
È inammissibile, per irrilevanza, la questione di legittimità costituzionale del combinato disposto...
 
Lunedì 18/09
Con la sentenza n. 21109 del 12 settembre 2017 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione Civile si sono...
 
Venerdì 15/09
La Corte di Cassazione Penale, con la sentenza n. 39881/2017 si è espressa in merito all'utilizzabilità...
 
Venerdì 15/09
La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con l'ordinanza n. 21122 del 12-09-2017 si è pronunciata in...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Avv. Fabrizio Consiglio

Via Golametto, 2 - 00195 Roma (RM)

Tel: 06.98351150 - Fax: 06.89281292

Email: studiolegaleconsiglio@gmail.com

P.IVA: 10391091005

Pagina Facebook Pagina Google Plus