Telefono e Fax

Tel: 06.98351150 Fax: 06.89281292


Più avvocati nominati in un giudizio civile? A ciascuno va riconosciuto il proprio onorario

Martedì 10/10/2017

a cura di Studio Legale Mancusi
In punto di diritto ove più avvocati siano incaricati della difesa in un procedimento civile, ciascuno di essi ha diritto all'onorario nei confronti del cliente in base all'opera effettivamente prestata.

Ai fini della liquidazione degli onorari di avvocato, nei giudizi di divisione (ereditaria) il valore della causa non è quello della massa attiva ma quello della quota in contestazione.



Sono i principi ribaditi dalla Corte di Cassazione, Sezione II Civile, con la sentenza del 30 agosto 2017, n. 20554, mediante la quale ha rigettato il ricorso e confermato quanto già deciso, nel caso de quo, dal tribunale di Piacenza.

La vicenda
La pronuncia traeva origine dal fatto che CAIO e ALTRI hanno proposto ricorso articolato in unico motivo avverso l'ordinanza, resa dal Tribunale di Piacenza nel 2014, che ha rigettato l'opposizione al decreto ingiuntivo n. XXXX/2013, per l'importo di euro 12.622,10, oltre interessi, emesso su domanda degli avvocati MEVIA e TIZIO ed avente ad oggetto i compensi professionali relativi al patrocinio legale prestato in un giudizio di divisione immobiliare (in particolare, liquidati in somma di euro 6.345,77 per l'avvocato MEVIA ed in euro 6.237,19 per l'avvocato TIZIO). Gli avvocati MEVIA e TIZIO resistono con controricorso.

Il tribunale di Piacenza, ritenuta l'applicabilità in rito dell'art. 14, d.lgs. 10 settembre 2011, n. 150, ha poi, nel merito, affermato che le modalità di calcolo del compenso liquidato agli avvocati opposti fossero errate, dovendosi determinare il valore della causa di divisione non in base a quello della massa attiva (e dunque, nella specie, pari ad euro 215.761,02), ma a quello della quota in contestazione (nella specie, pari ad euro 43.190,48).

Pertanto, ha deciso il Tribunale, per liquidare il compenso agli avvocati MEVIA e TIZIO si doveva far capo allo scaglione delle cause ricomprese fra euro 25.900,01 ed euro 51.700,00.

Il motivo di ricorso
Con l'unico motivo del ricorso di CAIO e ALTRI deducono la violazione del combinato disposto dell'art. 1, legge 7 novembre 1957, n. 1051, dell'art. unico, cap. I°, art. 1, sub 2, e degli artt. 4 e 6 del d.m. n. 127/2004.

Assumono i ricorrenti che, condivisa l'applicabilità dello scaglione delle cause ricomprese fra euro 25.900,01 ed euro 51.700,00, occorreva tener conto della rispettiva misura massima degli onorari, per poi suddividerli al 50% per ciascuno dei due avvocati.

Vengono perciò allegati conteggi per dimostrare che vi siano stati superamenti dei massimi tariffari.

La decisione

La Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi, mediante la citata sentenza n. 20554/2017 ha ritenuto non fondato il motivo ed ha rigettato il ricorso.

Precisa, quindi, la Suprema Corte che l'ordinanza impugnata ha fatto corretta applicazione del principio di diritto, più volte affermato dalla Corte, per cui, ai fini della liquidazione degli onorari di avvocato, il valore della causa di divisione non è quello della massa attiva ex art. 12 c.p.c., ma quello della quota in contestazione.

In particolare, l'art. 6 del d.m. n. 127 del 2004 (nella specie applicabile ratione temporis), pur rinviando in generale al codice di procedura civile per la determinazione del valore della causa ai fini della liquidazione degli onorari a carico del soccombente, deroga a tale rinvio in materia di giudizi divisori, per i quali stabilisce che il valore è determinato in relazione "alla quota o ai supplementi di quota in contestazione" (Corte di Cassazione, Sezione II, 04/05/2012, n. 6765).

La censura mossa dai ricorrenti è poi infondata, in quanto parte dall'erroneo presupposto per cui il Tribunale, dopo aver ricondotto la causa allo scaglione ricompreso fra euro 25.900,01 ed euro 51.700,00, avrebbe dovuto suddividere al 50% per ciascuno dei due avvocati la misura massima degli onorari spettante per le singole voci.

I ricorrenti non tengono così per conto dell'art. 6 della legge 13 giugno 1942, n. 794 (ancora recepito nell'art. 7 d.m. 8 aprile 2004, n. 127, costituente la disciplina ratione temporis nella specie applicabile), per come costantemente interpretato dalla Corte, nel senso che, ove più avvocati siano incaricati della difesa in un procedimento civile, ciascuno di essi ha diritto all'onorario nei confronti del cliente in base all'opera effettivamente prestata.

Inoltre, l'art. 6 della legge 13 giugno 1942, n. 794, si limita a garantire la facoltà di tenere conto del concorso degli altri avvocati nella determinazione degli onorari nell'ambito dei minimi e dei massimi previsti dalla tariffa professionale, ma non prescrive alcuna obbligatoria riduzione, né questo automatismo è stato contemplato nelle deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense recepite con i decreti ministeriali.

Il diritto individuale al distinto onorario rimane escluso piuttosto se, essendo stato richiesto il pagamento di una sola parcella, e non essendo state in essa indicate separatamente le prestazioni di ciascuno degli avvocati, risulta implicitamente ed inequivocabilmente una reciproca sostituzione nelle singole prestazioni, poi sommate nella specifica (laddove, nel caso in esame, gli avvocati MEVIA e TIZIO risultano aver richiesto il pagamento di due distinte parcelle, che ne indicavano separatamente le attività adempiute) (Corte di Cassazione, Sezione II, 04/11/2010, n. 22463; Corte di Cassazione, Sezione II, 12/07/2000, n. 9242).

Fonte: http://www.avvocatoamilcaremancusi.com
Le ultime news
Oggi 06:59
La Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 18823 del 16 luglio 2018 ha chiarito...
 
Ieri
Il Consiglio Nazionale Forense, con la sentenza n. 69 del 21 giugno 2018 ha chiarito che, per la sussistenza...
 
Ieri
L'art. 4, par. 2, della direttiva 2000/78/Ce del consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro...
 
Martedì 17/07
Il Consiglio Nazionale Forense, con la sentenza n. 66 del 21 giugno 2018, ha chiarito che, ai sensi dell'art...
 
Martedì 17/07
Con il decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 27 giugno 2017 n. 167 sono state individuate...
 
Lunedì 16/07
E' stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, L 173 del 9 luglio 2018, la Direttiva...
 
Venerdì 13/07
L'Autorità Garante per la protezione dei dati personali ha presentato, il 10 luglio scorso, presso la...
 
Giovedì 12/07
La Corte di Cassazione, VI Sezione Civile, con l'ordinanza n. 17577 del 4 luglio scorso, si è espressa...
 
Giovedì 12/07
Si ha una famiglia di fatto, anche ai fini del risarcimento del danno da perdita del familiare, qualora...
 
Mercoledì 11/07
Il Ministero della Giustizia informa di una nuova iniziativa, denominata "Il Ministro ascolta",...
 
Mercoledì 11/07
Cassa Forense informa che, nell'area dedicata alle graduatorie dei bandi dell'assistenza del proprio...
 
Mercoledì 11/07
Con la Sentenza n. 17717 del 5 luglio 2018 la Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione ha chiarito...
 
Martedì 10/07
È infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 10 l. 20 settembre 1980 n. 576, nella...
 
Martedì 10/07
Sul Portale dei Servizi Telematici del Ministero della Giustizia sono stati pubblicati i dati del Processo...
 
Lunedì 09/07
Sulla Gazzetta Ufficiale, 4° Serie speciale - Concorsi ed esami n. 52 del 3 luglio 2018 è stato pubblicato...
 
Venerdì 06/07
Il Consiglio Nazionale Forense, nella seduta amministrativa del 22 giugno 2018, ha indetto la prima edizione...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Avv. Fabrizio Consiglio

Via Golametto, 2 - 00195 Roma (RM)

Tel: 06.98351150 - Fax: 06.89281292

Email: studiolegaleconsiglio@gmail.com

P.IVA: 10391091005

Pagina Facebook Pagina Google Plus