Telefono e Fax

Tel: 06.98351150 Fax: 06.89281292


Avvocati: quando sono offensive le espressioni usate negli atti?

Lunedì 06/11/2017

a cura di Studio Legale Mancusi


In punto di diritto nel conflitto tra diritto a svolgere la difesa giudiziale nel modo più largo e insindacabile e il diritto della controparte al decoro e all'onore prevale il primo, salvo l'ipotesi in cui le espressioni offensive siano gratuite, ossia non abbiano relazione con l'esercizio del diritto di difesa e siano oggettivamente ingiuriose; pertanto non commette illecito disciplinare l'avvocato che, in un atto del giudizio, usi espressioni forti per effettuare valutazioni generali attinenti alla materia del contendere e a scopo difensivo.

È quanto ha stabilito il Consiglio Nazionale Forense, con la sentenza del 9 settembre 2017, n. 120, mediante la quale ha accolto il ricorso e annullato quanto già deciso, nel caso de quo, dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Modena.

La vicenda

La pronuncia ha avuto origine dal fatto che nel 2013, i sig.ri TIZIO e CAIO presentavano al C.O.A. di Modena un esposto con cui veniva segnalato il comportamento dell'Avv. SEMPRONIO [RICORRENTE] che, nel corso di un procedimento civile quale difensore del sig. [OMISSIS], utilizzava in comparsa conclusionale le seguenti espressioni sconvenienti ed offensive: " ...la pretesa assurda dal punto di vista logico, può trovare una spiegazione solo in chiave psicoanalitica, considerato che essa dimostra che in realtà questi signori pensavano di impossessarsi direttamente della somma mutuata (ed esempio come è loro costume, tramite la percezione di compensi spropositati)".

Veniva, pertanto, avviato un procedimento disciplinare a carico dell'Avv. SEMPRONIO [RICORRENTE] che veniva incolpato di aver violato l'art 5 del CDF rubricato "doveri di dignità, probità e decoro" e l'art. 20 del CDF rubricato "divieto di espressioni sconvenienti ed offensive".

L'Avv. SEMPRONIO [RICORRENTE], contestava la sussistenza di responsabilità deontologica, precisando di essersi limitato a svolgere il dovere di difesa nei confronti del proprio assistito.

In particolare, nel riferire lo svolgimento dei fatti, chiariva che le cause tra il proprio assistito e gli esponenti erano molteplici e riguardavano la denuncia del sig. [OMISSIS], socio di minoranza della medesima società [OMISSIS] s.r.l. per un perdurante abuso di potere degli esponenti, soci di maggioranza della medesima società, per una serie di comportamenti, quali: la determinazione e percezione di compensi sproporzionati quali amministratori della società, rispetto alla situazione patrimoniale economica ed effettiva; la non corretta redazione dei bilanci d'esercizio.

All'esito dell'istruttoria e dell'assunzione delle prove testimoniali il COA di Modena riteneva l'incolpato responsabile della violazione deontologica contestata, precisando che il professionista può esporre con vigore le proprie tesi difensive, nell'interesse del proprio assistito, senza però fare ricorso ad un linguaggio atto ad offendere e comunque non consono alla correttezza ed al decoro professionale, dovendosi rammentare il limite dell'intangibilità della persona dell'avversario.

Il C.O.A. di Modena riteneva, quindi, tale limite superato, poiché le espressioni utilizzate:
  1. a) erano atte ad esprimere un giudizio di disvalore personale e denigratorio, con il richiamo alla necessità dell'analisi psicologica dell'altrui comportamento;
  2. b) contenevano una palese accusa di volersi illegittimamente appropriare di somme, ed anzi di averlo già fatto, utilizzando l'artifizio dell'autoliquidazione di compensi sproporzionati;
  3. c) contenevano una grave accusa lesiva del prestigio e della moralità degli avversari, priva di riscontro in provvedimenti giudiziari precedenti.


Pertanto, il C.O.A. territoriale dopo aver rammentato che la ricchezza terminologica della lingua italiana avrebbe certamente consentito all'incolpato di rappresentare altrimenti le proprie ragioni al Giudice, irrogava all'Avv. SEMPRONIO la sanzione disciplinare dell'avvertimento attesa la mancanza di precedenti disciplinari.

L'incolpato, con ricorso tempestivamente depositato, chiede a questo Consiglio Nazionale Forense di annullare la decisione gravata affidando le proprie doglianze ai seguenti motivi.

I motivi di ricorso

L'Avv. SEMPRONIO [RICORRENTE] censura la decisione del C.O.A. di Modena adducendo l'assoluta insussistenza degli addebiti oggetto del provvedimento disciplinare - Violazione degli artt. 5 e20 CDF nonché degli artt. 24 e 111 Cost., 6 e 13 Conv. EDU, 47 Carta diritti UE
In particolare, il motivo si cui sopra veniva ampiamente articolato sulla scorta di diverse precisazioni afferenti il merito della vicenda che possono essere così riassunte:
  1. a) Lesione della dignità professionale e delle prerogative difensive dell'avvocato ed illegittimità della valutazione del merito delle questioni di merito relative alla vicenda giudiziaria da parte del C.O.A. territorialmente competente;
  2. b) Assenza di responsabilità deontologica;
  3. c) Contraddittorietà della decisione che sanziona illegittimamente l'esercizio di attività difensiva tout court.


A fondamento dei propri assunti l'Avv. SEMPRONIO [RICORRENTE] chiarisce che gli esponenti non hanno richiesto la cancellazione della frase ritenuta offensiva, né il risarcimento del preteso danno come previsto dall'art. 89 c.p.c. a riprova della consapevolezza che il giudice non avrebbe disposto la cancellazione delle frasi ritenute offensive.
Di talché, il C.O.A. di Modena sarebbe incorso in un travisamento dei fatti per l'erronea valutazione delle circostanze oggetto di disamina disciplinare che avrebbero determinato, consequenzialmente, il difetto della motivazione della decisione gravata.
Invero, l'incolpato ritiene le espressioni censurate "strettamente funzionali alla materia del contendere" poiché utilizzate per sottolineare l'infondatezza e l'illegittimità della pretesa riconvenzionale dei ricorrenti, che avanzavano personalmente richiesta di risarcimento del danno, subito dalla società, da liquidarsi tuttavia a loro favore.

La decisione

Il Consiglio Nazionale Forense, mediante la citata sentenza n. 120/2017 ha ritenuto i motivi fondati ed ha accolto il ricorso.
A dire del CNF la condotta tenuta dall'incolpato, risultante dall'effettiva convergenza tra le espressioni (seppur molto vigorose) rese in atti e l'oggetto del giudizio civile nelle quali sono state rilasciate, non appare integrare gli illeciti disciplinari di cui al capo di incolpazione.

E' noto, nella giurisprudenza disciplinare, che "Nel conflitto tra diritto a svolgere la difesa giudiziale nel modo più largo e insindacabile e il diritto della controparte al decoro e all'onore prevale il primo salvo l'ipotesi in cui le espressioni offensive siano gratuite, ossia non abbiano relazione con l'esercizio del diritto di difesa e siano oggettivamente ingiuriose; pertanto non commette illecito disciplinare l'avvocato che, in un atto del giudizio, usi espressioni forti per effettuare valutazioni generali attinenti alla materia del contendere e a scopo difensivo". (Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 6 giugno 2015, n. 74 ex multis 64/15; 61/15; 54/15; 24/15; 204/14).

Dalla documentazione in atti e dagli argomenti esposti con lo scrutinato mezzo introduttivo, emerge che effettivamente gli esponenti hanno percepito compensi sproporzionati quali amministratori della società rispetto alla situazione economica della stessa, nonché di essere stati assunti nella stessa società percependo un ulteriore compenso a fronte della medesima attività svolta.

Tali evenienze, come detto, seppur espresse secondo canoni espositivi poco opportuni risultano, però, intimamente connesse all'oggetto di causa ove gli esponenti proponevano addirittura in proprio domanda riconvenzionale per asseriti danni causati alla società.

In conclusione, deve riconoscersi l'attinenza delle frasi censurate con le esigenze difensive prospettate dal ricorrente tenuto conto, quindi, che la continenza nella forma espositiva risulta integrata per effetto della mancata adozione di una terminologia obiettivamente offensiva.

Da quanto precede la decisione del C.O.A. di Modena applicativa della sanzione dell'avvertimento deve essere annullata.

Link alla sentenza
Ecco il link a: Consiglio Nazionale Forense, con la sentenza del 9 settembre 2017, n. 120.

Fonte: http://www.avvocatoamilcaremancusi.com
Le ultime news
Oggi 07:00
Sulla Gazzetta Ufficiale del 23 aprile 2018 è stato pubblicato il Decreto Giustizia-Economia e Finanze...
 
Oggi 07:00
Cassa Forense, con una notizia pubblicata sul proprio sito internet, informa che i Ministeri vigilanti...
 
Oggi 07:00
Con Comunicato Stampa del 4 aprile il Consiglio Nazionale del Notariato ha informato dall'attivazione...
 
Martedì 24/04
Consiglio dei Ministri seduta 21 marzo 2018. Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in via preliminare,...
 
Martedì 24/04
Sul sito internet della Giustizia Amministrativa sono stati pubblicati i dati relativi ai depositi telematici...
 
Lunedì 23/04
Corte di Cassazione, Ordinanza 16 marzo 2018 n. 6606. La Corte di Cassazione ha affermato che, ai...
 
Lunedì 23/04
La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione ha da poco dato il via ad una specifica iniziativa,...
 
Venerdì 20/04
E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 16-04-2018 il Decreto 8 marzo 2018 del Ministero...
 
Giovedì 19/04
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 86 del 13 aprile 2018 è stato pubblicato il Comunicato del Consiglio Nazionale...
 
Giovedì 19/04
L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha pubblicato le Linee guida n. 9 in tema di monitoraggio delle...
 
Mercoledì 18/04
La Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 8407 del 5 aprile 2018 ha dichiarato...
 
Mercoledì 18/04
Con una nota pubblicata sul proprio sito internet Cassa Forense informa di aver aderito allo schema di...
 
Martedì 17/04
Sul sito internet della Giustizia Amministrativa è stata pubblicata la nota congiunta del Tavolo Tecnico...
 
Martedì 17/04
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 85 del 12-04-2018 è stato pubblicato il Decreto 23 marzo 2018 del Ministero...
 
Lunedì 16/04
L'avvocato commette illecito disciplinare se indirizza la propria corrispondenza direttamente alla controparte...
 
Venerdì 13/04
Secondo la Corte di Cassazione (sentenza n. 8382 del 4 aprile 2018) al dipendente trasferito in altra...
 
Venerdì 13/04
Lo Studio n. 419-2017/C, approvato in via definitiva dalla Commissione Studi Civilistici del Consiglio...
 
Giovedì 12/04
La Corte di Cassazione con l'Ordinanza n. 8386 del 4 aprile 2018 ha statuito la piena legittimità del...
 
Mercoledì 11/04
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 7703/2018, ha stabilito che, salvo prova contraria, una prestazione...
 
Martedì 10/04
La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 7839 del 29 marzo 2018, ha rigettato il ricorso presentato...
 
Lunedì 09/04
Non è manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 16 septies d.l...
 
Lunedì 09/04
La Corte di Cassazione con la Sentenza n. 8373 del 4 aprile 2018 ha rigettato il ricorso presentato da...
 
Giovedì 05/04
Con la sentenza n. 8276 del 30 gennaio 2018 la Corte di Cassazione, Seconda Sezione Penale, ha affermato...
 
Giovedì 05/04
Il datore di lavoro è autorizzato a concludere un contratto di lavoro intermittente con un lavoratore...
 
Mercoledì 04/04
Con la sentenza n. 4080 del 20 febbraio 2018 la Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro, ha affermato...
 
Martedì 03/04
Il Consiglio Nazionale del Notariato ha pubblicato un nuovo Studio, a cura di Vera Tagliaferri, che analizza...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Avv. Fabrizio Consiglio

Via Golametto, 2 - 00195 Roma (RM)

Tel: 06.98351150 - Fax: 06.89281292

Email: studiolegaleconsiglio@gmail.com

P.IVA: 10391091005

Pagina Facebook Pagina Google Plus