Telefono e Fax

Tel: 06.98351150 Fax: 06.89281292


Assegno divorzile e di mantenimento: criteri per la determinazione e quantificazione

Giovedì 18/10/2018, a cura di AteneoWeb S.r.l.


Posto che l'assegno divorzile svolge una funzione non solo assistenziale, ma in pari misura anche perequativa e compensativa, continuando ad operare i principî di eguaglianza e di solidarietà di cui agli art. 2 e 29 Cost., e che il diritto al riguardo del richiedente va accertato unitariamente, senza una rigida contrapposizione tra la fase attributiva (an debeatur) e quella determinativa (quantum debeatur), il giudice:

a) procede, anche a mezzo dell'esercizio dei poteri ufficiosi, alla comparazione delle condizioni economico-patrimoniali delle parti;
b) qualora ne risulti l'inadeguatezza dei mezzi del richiedente, o comunque l'impossibilità di procurarseli per ragioni obiettive, deve accertarne rigorosamente le cause, alla stregua dei parametri indicati dall'art. 5, 6° comma, prima parte, l. 898/70, e in particolare se quella sperequazione sia o meno la conseguenza del contributo fornito dal richiedente medesimo alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio comune e personale di ciascuno dei due, con sacrificio delle proprie aspettative professionali e reddituali, in relazione all'età dello stesso e alla durata del matrimonio;
c) quantifica l'assegno senza rapportarlo né al pregresso tenore di vita familiare, né al parametro della autosufficienza economica, ma in misura tale da garantire all'avente diritto un livello reddituale adeguato al contributo sopra richiamato.

Fonte: Corte di Cassazione; sezioni unite civili; sentenza, 11-07-2018, n. 18287 - Massima a cura de "Il Foro Italiano".

Fonte: http://www.foroitaliano.it
Le ultime news
Oggi 06:00
Il Presidente di Cassa Forense Nunzio Luciano, in una recente dichiarazione, ha informato che il Consiglio...
 
Oggi 06:00
Nell'ambito della propria attività istituzionale, l'Autorità Nazionale Anticorruzione ha ricevuto diverse...
 
Ieri
L'incompletezza della cartella clinica non può ripercuotersi a danno dell'avente diritto alla prestazione...
 
Mercoledì 14/11
Sono entrati in vigore il 10 novembre scorso i cinque decreti legislativi attuativi della riforma dell'ordinamento...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Avv. Fabrizio Consiglio

Via Golametto, 2 - 00195 Roma (RM)

Tel: 06.98351150 - Fax: 06.89281292

Email: studiolegaleconsiglio@gmail.com

P.IVA: 10391091005

Pagina Facebook Pagina Google Plus